Jump Cut

jumpcut_trasparente_bianco

Jump Cut è una casa di produzione cinematografica indipendente nata a Trento nel 2011, con l’obiettivo di produrre film d’autore e di sperimentazione nei temi, nello stile e nella forma.
Il suo fondatore, Luigi Pepe, si è formato alla ZeLIG, scuola di documentario, televisione e nuovi media di Bolzano.

La prima co-produzione della Jump Cut è stata con Arsenali Medicei per l’opera prima di Alessandro Rossetto, “Piccola Patria”: film finanziato da quattro film commission del nord-est insieme al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e al programma Media dell’Unione Europea. Il film ha avuto un grandissimo successo nella scena cinematografica indipendente italiana: dopo la première alla 70. Mostra del Cinema di Venezia nella sezione Orizzonti e la partecipazione alla sezione Spectrum del Rotterdam Film Festival, ha girato il mondo partecipando in 44 festival, vincendo 12 premi, venendo selezionato in nomination ai Nastri d’Argento, ai Globi d’oro e ai Ciak d’oro.

Nel maggio 2012 la Jump Cut si trasferisce in un nuovo ufficio dotandosi di un’unità di postproduzione. Da allora si sono susseguite le produzioni di documentario e televisive (tra cui “Notturno”, serie televisiva sostenuta dalla Trentino Film Commission, e “Noi 2, domani”, documentario co-finanziato da diverse istituzioni) e con il 2014 sono partiti nuovi documentari in produzione: “Gente dei bagni”, di Stefania Bona e Francesca Scalisi, co-prodotto con EiE Film di Paolo Pallavidino e partecipante al pitching Docs in Thessaloniki, “Complimenti per la festa: il film sui Marlene Kuntz e i vent’anni di Catartica” di Sebastiano Luca Insinga e “Funne – Sea dreaming girls” di Katia Bernardi, partecipante al pitching del Festival dei Popoli 2014.

Filmografia

2012-13: NOTTURNO, di Giuseppe Campanale, Simone Cargnoni, Sebastiano Luca Insinga e Luigi Pepe
30’x12, HD, serie tv documentaria (in coproduzione con RTTR, finanziato da Trentino Film Commission)
Il primo format televisivo della Jump Cut affronta il mondo dei lavori notturni. Con uno stile documentaristico fly-on-the-wall che si ispira all’etnografia visuale francese, una serie di 12 ritratti di altrettanti lavori e lavoratori notturni.

2013: PICCOLA PATRIA, di Alessandro Rossetto,110′, HD, fiction (in coproduzione con Arsenali Medicei, finanziato da MiBAC, Veneto Film Commission, Business Location Südtirol, Trentino Film Commission, Friuli Venezia Giulia Film Commission, Media; distribuito in Italia da Istituto Luce-Cinecittà, presentato in concorso nella sezione Orizzonti della 70. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia e nella sezione Spectrum del Rotterdam Film Festival 2014)
Due ragazze, un’estate calda e soffocante, il desiderio di andare via da un piccolo paese di provincia. Luisa è piena di vita, disinibita, trasgressiva; Renata è oscura, arrabbiata, bisognosa d’amore. Le vite delle due giovani raccontano la storia di un ricatto, di un amore tradito, di una violenza subita: Luisa usa Bilal, il suo fidanzato albanese, Renata usa il corpo di Luisa per muovere i fili della propria vendetta. Entrambe vogliono lasciare la piccola comunità che le ha cresciute, tra feste di paese e raduni indipendendisti, famiglie sfinite e nuove generazioni di migranti presi di mira da chi si sente sempre minacciato. Luisa, Renata e Bilal rischieranno di perdersi, di perdere una parte preziosa di sé, di perdere chi amano, di perdere la vita.

2015: GENTE DEI BAGNI di Stefania Bona e Francesca Scalisi
59′, HD, documentario
 (in coproduzione con Don Quixote e EiE Film, finanziato da Trentino Film Commission, BLS – Business Location Südtirol, Torino Piemonte Film Commission, Media; vincitore del Premio CinemAMoRe al 63. Trento Film Festival; Miglior documentario italiano al XIV Rome Independent Film Festival; Premio della giuria al 18. Mediterraneo Video Festival; Premio della giuria al ViaEmiliaDocFest 2015; Miglior lungometraggio all’VIII Festival del Cinema dei Diritti Umani di Napoli; selezionato in concorso al Guangzhou International Documentary Film Festival 2015)
Gli ultimi bagni comunali di Torino grazie alla loro natura allo stesso tempo intima e pubblica sono diventati un luogo privilegiato di incontri.

2015: NOI 2, DOMANI di Eugenio Maria Russo, 58′, HD, documentario
 (con il contributo della Provincia Autonoma di Trento)
La vita quotidiana di tre liceali, con le loro incertezze, le speranze, gioie e difficoltà. Edoardo, Gaetano ed Ernesto sono all’ultimo anno di scuola superiore, sono innamorati e presto dovranno decidere cosa fare delle loro vite. Il domani agognato è alle porte: per conquistarlo però dovranno attraversare le prime prove della vita.

2015: COMPLIMENTI PER LA FESTA di Sebastiano Luca Insinga, 72′, HD, documentario (in coproduzione con Duel:, finanziato da Trentino Film Commission, Piemonte Doc Film Fund e tramite una campagna di crowdfunding su Musicraiser; distribuito da Feltrinelli e Wanted)
Il 13 maggio 1994 uscì un album che segnò un pre e un post nella musica rock italiana, Catartica dei Marlene Kuntz. Ventanni dopo la band di Cuneo riporta in tour tutti i pezzi di quell’album. Il film segue il tour di Catartica 2014 lungo tutta la penisola e ricostruisce i primi anni di carriera della band.